Sedile di Capuana

Arma del Sedile

Un cavallo frenato d’oro in campo azzurro/rosso.
Questa immagine, secondo lo storico Giovanni Villani, si ispirava all’antica statua in bronzo, già insegna della Città di Napoli, che venne distrutta e fusa nel 1332 per costruire le campane della Cattedrale.

Santo Protettore del Sedile

San Martino, vescovo di Tours.

Il Sedile di Capuana deve il nome alla potente famiglia dei Capuano e risulta fondato nel 1251 ed ingrandito nel 1453.
Il Seggio principale si trovava nei pressi dell’omonima porta.

Il seggio di Capuana era in origine gestito da tre famiglie nobili: gli Alieni; i Caracciolo ed i Capece che delimitavano tre quartieri Seggi minori erano:

– Seggio dei Melari o Melazzi, dal nome della famiglia fondatrice;
– Seggio di Santo Stefano, per la prossimità con l’omonima chiesa;
– Seggio dei Santi Apostoli, per la prossimità con l’omonima chiesa;
– Seggio di San Martino, già conosciuto nel 1196 e che si trovava in prossimità dell’omonima chiesa, alle spalle dell’Ospedale della Pace;
– Seggio dei Manocchi o Manocci, dall’antica famiglia fondatrice.

Resti del Sedile sono ancora oggi osservabili lungo Via dei Tribunali, ad angolo con Vico Sedil Capuano. .